Da Lazise a Cisano nel Lago di Garda

Oggi, sono qui per condividere con te uno dei ricordi più belli della mia estate: la mia giornata passata passeggiando tra Lazise e Cisano nel Lago di Garda.

Perché uno dei più belli?

Perché penso che per essere felici e per stare bene basta veramente pochissimo.

LAZISE

Si sa la Regione Veneto ha veramente tantissimo da offrire e ogni volta che visito un posto, in cui magari sono già stata, ha sempre qualcosa che mi stupisce, uno di questi luoghi è il Lago Di Garda o di Benaco: il lago più grande della nostra penisola italiana che unisce tre regioni: il Veneto, la Lombardia e il Trentino Alto Adige.

Immerso tra colline moreniche e catene montuose raccoglie panorami splendidi, borghi storici che meritano di essere conosciuti, e tradizioni antichissime che meritano di essere scoperte, uno di questi è Lazise, in provincia di Verona.

Il paesaggio del Lago di Garda

La storia di Lazise

Il nome Lazise deriva da lacus che sta a significare villaggio lacustre, diventato poi nel ‘900 Laceses.

La storia di Lazise ha origini antichissime, pensa che si hanno sue memorie già dalla preistoria.

Nell’epoca preistorica Lazise era un villaggio di palafitte abitato da pescatori, i cui resti oggi li troviamo nella sua frazione Pacengo.

Lazise subì poi uno sviluppo in epoca romana e poi in epoca medievale, tant’è che nel 983 divenne il Primo Comune libero d’Italia.

Lazise il Comune più antico d'Italia

Questo avvenimento portò dei vantaggi a Lazise come la possibilità di gestire liberamente la pesca, una delle attività più tipiche di questa zona del Lago di Garda. Può essere tutt’ora realizzata attraverso alcune esperienze di pescaturismo, dove da soli o accompagnati da personale esperto nella pesca, potrai avventurarti lungo il Lago di Garda e provare ad essere un pescatore per un giorno.

Il fascino della storia unito alla modernità dell’offerta sono ciò che tutt’ora caratterizzano questo splendido Borgo veronese.

Ma Lazise non è solo Lago.

Per godere di alcune delle infinite risorse del Lago di Garda ti basterà andare nelle sue parti più interne, le frazioni di Colà dove ha sede la famosa Villa Dei Cedri con le sue terme, (eh si anche sul Lago di Garda ci sono le terme, lo sapevi? Te ne avevo già un po’ parlato nel articolo su Sirmione) e Pacengo.

In queste due zone potrai infatti vedere i paesaggi più caratteristici della campagna veneta  tipica lacustre con alberi di ulivo e la vite che da origine ai noti vini del Lago di Garda.

Da Lazise a Cisano di Bardolino

il percorso del Lago di Garda
Questo simpatico cartello indica la distanza che ti separa dai vari punti del Lago di Garda.

Un punto di cui voglio parlarti  oggi è la bellissima passeggiata, aperta da qualche anno  che collega Lazise a Garda, un percorso di circa 8 km in un’atmosfera davvero tranquilla da ammirare con la giusta calma.

Noi abbiamo fatto il tratto da Lazise a Cisano, frazione di Bardolino perché volevamo godercelo per bene  ma magari la prossima volta possiamo pensare di continuarlo.

CISANO

Proprio a Cisano, nel secolo scorso sono, stati trovati dei resti di quello che era un tempo un villaggio di palafitte.

Il cammino che unisce Lazise a Cisano può essere percorso in qualsiasi momento della giornata, sia a piedi che in bicicletta, dipende da come preferisci farlo tu, noi ci siamo andati a piedi ma chissà potremo ripetere l’esperienza in bicicletta.

Si tratta comunque di un breve percorso di circa 2 km adatto a tutti grandi e piccoli.

Una volta arrivato a Cisano potrai concederti un buon bicchiere di vino e poi magari decidere di andare a pranzare nel grande prato, vicino al lago, come abbiamo fatto noi.

E per finire potrai noleggiare una barca tutta per te

Per terminare in bellezza questa giornata ti consiglio di vivere un’esperienza meravigliosa a contatto con l’acqua per andare alla scoperta delle insenature migliori del Lago di Garda, noleggiando una barca dai ragazzi di Cisano Rent a Boat, direttamente dal pontile di Cisano. Come puoi vedere si tratta di un’esperienza sicura adatta a tutti grandi e piccoli, questi ultimi si divertiranno tantissimo com’è stato per Emma che non voleva più scendere dalla barca.

Spero di aver fatto innamorare un po’ anche te di questa parte del Lago di Garda e di averti dato un buon consiglio per passare il tuo ferragosto.

Ovviamente questo è solo l’inizio, di avventure ne vivremo ancora molte assieme, continua a seguirmi anche nei miei social Instagram e Facebook e scrivimi se ti è piaciuto questo articolo.

 

 

 

 

 584 total views,  1 views today