Mi presento

Mi presento, mi chiamo Marta Silvestri, abito a Loreggia in provincia di Padova e sono nata il 16 luglio 1995 a Camposampiero in provincia di Padova ed è in questa città che sono cresciuta.
Sono una ragazza italiana e veneta doc, i miei genitori sono della provincia di Venezia e inoltre mia mamma è una food blogger e il suo blog si chiama Il Club di Rossana.
Con lei mi piacerebbe collaborare per realizzare all’interno del mio blog una rubrica che tratti di turismo enogastronomico in quanto questa tipologia consente di conoscere ancora meglio un territorio e amarlo ancora di più.

Questo è il mio primo articolo dove mi presento e da qui ha inizio la mia avventura e il mio viaggio in cui vi porterò a scoprire la mia Regione, il Veneto, in modo tale da farla conoscere a chi ancora non ha avuto modo di visitarla di persona e per coloro che già l’hanno visitata o vi abitano vorrei trasmettere quel qualcosa in più sulla nostra splendida regione.

Il mio interesse verso il turismo nasce fin da bambina.
Ricordo che quando a scuola mi chiedevano “Che lavoro vorresti fare da grande?” rispondevo l’archeologa oppure l’accompagnatrice turistica.

Quando ero piccola e con i miei genitori andavamo a fare le gite organizzate dalle Agenzie turistiche vedevo nelle accompagnatrici ciò che sarei voluta un giorno diventare.

Questa mia passione ho già, in parte, avuto  modo di sperimentarla attraverso l’esperienza del Servizio civile, svolta a cavallo tra il 2019 e il 2020 in cui ho avuto modo di fare l’accompagnatrice di un gruppo turistico guidandoli nella mia bella Padova.

In questa occasione abbiamo visitato il Duomo, il Caffè Pedrocchi e il Palazzo Bo e la mostra “Incontro e abbraccio nella scultura del Novecento, da Rodin a Mitoraj” che si era tenuta dal 16 novembre 2019 al 6 febbraio 2020 di questa mia visita ve ne parlerò più avanti.
Spero che questo mio sogno possa continuare a realizzarsi grazie a questo mio blog in cui mi impegnerò ad accompagnarvi in un’avventura attraverso la mia Regione.

Proseguendo poi con il conoscermi arriviamo agli anni delle superiori, periodo in cui vi è la scelta del percorso di studi da intraprendere e anche qui il turismo non mi ha lasciata in quanto le mie alternative erano due:
1) iscrivermi all’istituto Pertini di Camposampiero a indirizzo turismo,
2) iscrivermi all’istituto Newton di Camposampiero al liceo delle scienze sociali.
Alla fine la mia scelta è ricaduta sulla seconda opzione però il pallino del turismo mi è sempre rimasto.

Durante gli anni delle superiori poi nella nostra scuola ci è stata data la possibilità di svolgere dei periodi di stage e questo mi ha portato ad espandere la mia passione per il turismo verso il mondo degli eventi, infatti qui ho avuto modo di partecipare come stagista e poi anche come volontaria per l’organizzazione di due eventi grazie all’agenzia Venezie Post di Padova.

All’interno del mio blog SmartVeneto tratterò anche del tema Eventi dato che il turismo si collega a tutta una serie di servizi che  sono utili  per rendere l’esperienza del turista la migliore possibile e per soddisfare i suoi bisogni e le sue aspettative.

Siamo giunti poi alla fine degli anni delle superiori, momento in cui ho deciso di proseguire i miei studi con la scelta di iscrivermi all’Università di Padova.

Inizialmente mi sono iscritta al corso di Lingue letterature e culture moderne e come lingue ho scelto inglese e russo, ho frequentato il primo anno ma nel mentre continuavo a pensare di voler intraprendere un altro percorso di studi, tant’è che il mio desiderio di cambiamento era talmente grande, che ho optato per mollare le lingue, per dedicarmi alla mia passione più grande  ossia il turismo.

Pertanto mi sono iscritta al corso di laurea di Progettazione e gestione del turismo culturale ed è stata una delle scelte migliori in quanto questo corso di studi mi ha dato tantissimo e, soprattutto, mi ha fatto capire che questa è la mia strada. 

In questi anni di corso ci ho messo anima e corpo per arrivare a uno dei traguardi più importanti ossia la mia laurea.

Questa mia meta l’ho raggiunta il 19 giugno dell’anno scorso discutendo una tesi dal titolo “Il turismo sostenibile e slow lungo il fiume Sile” che spero poi di aver la possibilità di approfondire qui sul blog in modo da far conoscere e trasmettere le sue innumerevoli risorse in quanto si tratta del fiume di risorgiva più lungo d’Europa.

Durante il mio percorso di studi a Progettazione e gestione del turismo culturale o in breve PGT ho avuto modo di compiere un percorso di stage che per noi era obbligatorio da fare ma ognuno poteva scegliere dove svolgerlo a seconda dei propri interessi.

Ho deciso di compierlo presso l’Ufficio informazioni e accoglienza turistica IAT Valle Agredo della Federazione dei Comuni del Camposampierese in quanto ciò che mi interessava era poter contribuire a far conoscere le risorse del mio territorio in cui sono cresciuta e che considero la mia casa.

Prima di intraprendere lo stage all’interno dell’ufficio IAT Valle Agredo avevo notato come il nostro territorio venisse considerato quasi privo di ricchezze, ma ad oggi  ho capito come se si rendono  note in rete le nostre qualità paesaggistiche e culturali  e impegnandosi a valorizzarle possono diventare una forza turistica unica che sa attrarre turismo e generare interesse.

Per la promozione del territorio di Valle Agredo ho lavorato all’interno di “Villa Cornaro” di Piombino Dese e “Villa Ca’ Marcello” di Levada frazione di Piombino Dese e anche presso la Fiera Campionaria di Padova.

Sempre all’interno di Valle Agredo ho avuto anche un’esperienza lavorativa all’interno del “Museo della centuriazione romana” di Borgoricco in cui ho dato supporto alle attività laboratoriali con i bambini delle elementari.

Ovviamente di Valle Agredo e delle sue risorse ve ne parlerò sicuramente all’interno del mio blog.




 

 

 1,141 total views,  1 views today